28 mag 2008

Team Scienze Motorie 2^puntata


Il progetto nato per collaborare e trovare idee ha trovato scarso interesse rispetto a quello sperato, ahimè...e continuarlo con pochi ma buoni non è facile..
L'impressione è un pò quella di studenti falliti..perdonate la durezza...

Questo forse rivela una triste verità! Un disinteresse di fondo di questa Università saronnese, degli studenti che hanno scelto la facoltà pensando di fare sport e giocare invece di studiare e appassionarsi alla materia, il "corpo umano", "il movimento"..


Se sogno ad occhi aperti vorrei che qualcuno che usa tranquillamente il forum, scarica il materiale didattico, sa usare una tastiera, trovasse il coraggio di dire la sua a proposito.


In questi anni di Università in un distaccamento ho imparato molte cose..

Ho notato che si respira un'aria davvero diversa rispetto a quella di Milano (e non mi riferisco al PM10)


Manca la volontà per la ricerca, l'interesse per la cultura, per la condivisione e avanza un clima di liceo o scuola superiore di secondo livello che poco si addice a qualificare "dottori".


Tutti sono preoccupati di fare soldi sgomitando, sperano di aprire qualche palestra, di avere clienti a cui fare terapie..(cosa che possono fare solo i fisioterapisti abilitati all'area sanitaria!!)


Come sempre dall'Estero ci insegnano; gli studenti delle facoltà nordiche, svezia, norvegia, inghilterra, francia, sfornano quotidianamente risultati di ricerche e coltivano un senso di professionalità, serietà e maturità proprie di ragazzi di 20-25 anni. (vd. sito PubMed)


Per questo pensavo che continuare a fornire un servizio che impegna la gestione, l'aggiornamento lampo come quello espletato dal Forum, prima e supportato dal Blog dopo, abbia poco senso e porti poco frutto in questa comunità che a volte tecnologicamente parlando mi sembra '800esca!!!


Tra pochi poche settimane uscirò laureato dall'Università e valuterò se ha senso continuare a fornire questo servizio Web, tanto gratuitamente "comodo" e sperare che altri insieme raccolgano la sfida per rimboccarsi le maniche e impegnarsi.



il Webmaster

3 commenti:

  1. Caro Paolino, come mi piace chiamarti, sono una persona che ha lasciato l'Università degli Studi degli Insubria per andare verso altri lidi cercando fortuna in riferimento a quanto tu hai scritto, ovvero la speranza di riuscire a vedere e ad imparare a fare della Ricerca...

    Ci vorrebbero penso delle ore per poter rispondere ad una questione che mi tocca più che da vicino, ma mi limito a dire che in qualsiasi ambito un "professinista" lavori, deve necessariamente cominciare a prendere in considerazione il fatto che qualsiasi università italiana, in cui esista una Facoltà di Scienze Motorie, presume di fare della ricerca, ma in realtà non si può nemmeno definire una "cosmesi" della ricerca quanto si fa nei nostri Atenei...
    Forse sarebbe necessario portare delle esperienze personali, o altro ancora, a testimonianza di cosa significa cominciare ad affacciarsi al mondo della Ricerca nelle Sport Science, dato l'immenso interesse che provo per questo, ma nel contempo concludo dicendo che per fare questo è necessario avere coscienza di se stesso e soprattutto passione e voglia di mettersi in gioco per imparare, aspetti che a quanto pare, e lo dico con dispiacere avendo vissuto tre anni intensi in quel di Saronno, non sono riusciti a prendere piede in una realtà che ha più o meno le carte in regola per sfornare dei professionisti di tutto rispetto.

    La sostanza di questo discorso è racchiusa in una frase che penso rimarrà sempre impressa in me, pronunciata dal presidente di commissione il giorno 12-07-2007:

    " Il prestigio di un' Università viaggia sui piedi dei propri Laureati..."

    il mio commento è: " si continua a piangere dicendo che il nostro settore non è regolamentato, in parte lo condivido, ma è ora che si prenda atto del fatto che gli studenti devono essere i primi a voler esprimere qualità se si vuole avere una piccola speranza che le cose migliorino, altrimenti si ramarrà sempre dei mediocri...e qui mi fermo" Dr. A.A.

    RispondiElimina
  2. caro paolo sarà un caso ma casualmente toglierai il sito dopo la laurea...
    per quanto riguarda il tuo progetto potrebbe essere carino ma penso che le persone purtroppo devono lavorare per mantenersi e quindi difficilmente hanno tempo per fare anche questa cose...
    sai penso inoltre che sia l'università stessa a dover affrontare un progetto di questo tipo e non degli studenti che non verranno mai ascoltati...comunque complimenti per la tua laurea e per il lavoro fatto per noi fin'ora
    dr.P.G.

    RispondiElimina
  3. caro paolo sarà un caso ma casualmente toglierai il sito dopo la laurea...
    per quanto riguarda il tuo progetto potrebbe essere carino ma penso che le persone purtroppo devono lavorare per mantenersi e quindi difficilmente hanno tempo per fare anche questa cose...
    sai penso inoltre che sia l'università stessa a dover affrontare un progetto di questo tipo e non degli studenti che non verranno mai ascoltati...comunque complimenti per la tua laurea e per il lavoro fatto per noi fin'ora
    dr.P.G.

    RispondiElimina

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.