26 dic 2007

Atleti cibernetici sì o no?

E' indubbiamente destinata a far discutere la proposta di impiantare un chip sottocutaneo agli atleti di un certo livello, per combattere con maggior efficacia.

Che poi l'idea sia venuta a due atleti di rango come la pluridecorata campionessa di Eptathlon Carolina Klüft ed all'olimpionico di salto in alto Stefan Holm, i quali per primi hanno pensato alla biometria per realizzare un localizzatore, è quanto mai curioso.

Carolina Kluft


Anche se non è chiaro come questo chip posto sottopelle possa realmente aiutare nella lotta contro il dilagante fenomeno del doping, è indubbio che con mezzi come questo sarebbe in qualsiasi momento possibile sapere dov'è un dato atleta.

Non stupisce che questa proposta venga dalla libertina Svezia, che ha dato i natali alla Klüft e ad Holm, dal momento che una simile iniziativa in Italia, avrebbe (e forse per una volta a ragione), sollevato polemiche legate alla privacy, quella reale, sacrosanto diritto di ogni individuo, decreti legislativi 196/2003 a parte.

Nessun commento:

Posta un commento

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.